Co-tutela di tesi

La cotutela di tesi riguarda una modalità di svolgimento di un percorso di dottorato di ricerca comportante l'iscrizione di un dottorando presso due università di due paesi diversi e presso due corsi di dottorato con ambito disciplinare affine. Il dottorando in co-tutela risulta pertanto iscritto a due corsi di dottorato: uno presso l'università di prima iscrizione (università presso la quale ha superato la selezione per il posto di dottorato ed è stato ammesso a detto posto) e uno presso l'università partner. Al dottorando viene assegnato un tutor con funzioni di supervisore della sua ricerca in ciascuna delle due istituzioni.

Lo svolgimento delle attività corsuali e di redazione della tesi di dottorato deve essere strutturato in periodi alterni, di durata approssimativamente equivalente, presso le due università. Il dottorando effettua il pagamento delle tasse di iscrizione soltanto presso la sede di prima iscrizione e deve essere esonerato dal pagamento di dette tasse presso la sede partner, potendo quest'ultima richiedere al dottorando solo costi di assicurazione aggiuntivi qualora previsti dalla legislazione del paese di appartenenza.

Al termine del percorso di dottorato lo studente sostiene un unico esame, di norma presso la sede di prima iscrizione e di fronte a una commissione congiunta la cui composizione è definita nel rispetto della normativa di entrambi i paesi partner. A seguito del superamento dell'esame il dottorando consegue il titolo di dottorato presso la sede di prima iscrizione e, se le condizioni del paese partner lo consentono, anche il titolo di dottorato presso la sede partner (doppio titolo o titolo congiunto).

Attivazione di un percorso in co-tutela 

Un percorso in co-tutela può essere attivato con qualsiasi paese straniero a condizione che venga stipulata preventivamente una convenzione quadro di collaborazione tra i due atenei. La convenzione di co-tutela, relativa al percorso formativo di un singolo dottorando, si configura quindi come un applicativo della convenzione quadro da stipularsi successivamente a quest'ultima. Sebbene siano disponibili dei modelli di convenzione quadro e di convenzione di co-tutela, è tuttavia possibile che i testi definitivi dei due accordi siano definiti con riferimento a ciascuna istituzione partner attraverso un processo di armonizzazione di legislazioni di volta in volta differenti.

Con riferimento a Francia, Germania, Spagna e Svizzera la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) ha stipulato i seguenti accordi per la co-tutela di tesi che, sostituendosi alle convenzioni quadro interuniversitarie, rendono necessaria la sola stipula della convenzione di co-tutela relativa al dottorando:

- Accordo Quadro CRUI-CPU (Italia-Francia)

- Accordo Quadro CRUI-CRUE (Italia-Spagna)

- Accordo Quadro CRUI-CRUS (Svizzera)

- Accordo Quadro CRUI-HRK(Italia-Germania)

 

Dottorato in co-tutela Italia Francia

La co-tutela di tesi di dottorati di ricerca italo - francesi, trae la sua origine dall'Accordo quadro sottoscritto in data 13.02.1998, dalla Conferenza dei Presidenti delle Università francesi (CPU) e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. Detto Accordo contiene disposizioni di carattere generale che regolamentano la materia dei dottorati in co-tutela di tesi tra i due paesi contraenti.
L'Ateneo di Catania, nell'aderire al suddetto accordo quadro, ha deliberato che:

a) L'attivazione di una co-tutela, deve essere in ogni caso approvata dal Collegio dei docenti che deve accertare anche la disponibilità delle risorse finanziarie necessarie alla sua realizzazione;

b) Le richieste di convenzione in co-tutela debbono pervenire agli uffici competenti almeno trenta giorni prima della stipula della relativa convenzione;

c) La disciplina sulla co-tutela, nel caso di studenti provenienti da dottorati francesi, è applicabile, senza oneri finanziari per l'Ateneo, solo nel caso in cui presso l'Università di Catania sia attivato un dottorato uguale, affine o che in ogni caso esista un corso di dottorato che comprenda, all'interno del percorso formativo, degli insegnamenti o gruppi disciplinari sovrapponibili al dottorato francese. Tale affinità o sovrapponibilità va accertata dal Collegio dei docenti del corso di dottorato cui lo studente - su istanza dello stesso - chiede di "agganciarsi" per lo svolgimento della tesi in co-tutela.

d) La co-tutela di tesi è prevista per un periodo non superiore a tre anni ed è rivolta a studenti iscritti al primo anno di corso di dottorato;

e) L'Università di Catania si impegna a rilasciare il titolo di "dottore di ricerca" a coloro che hanno sostenuto, presso la sede di Catania, le prove di selezione per l'accesso ai relativi corsi di dottorato, secondo quanto disposto dal bando.Per gli studenti provenienti da dottorati francesi, se ne attesterà il conseguimento previa, in ogni caso, certificazione in tal senso espressa dal co-tutore - per parte italiana - del corso di dottorato cui lo studente è stato iscritto;

L'accordo di co-tutela - da valere sia per gli studenti iscritti a dottorati con sede Catania che per gli studenti iscritti a dottorati francesi - va formalizzato secondo uno schema di convenzione da esporre tanto in lingua italiana che francese.


 

Ultima modifica: 
11/11/2016 - 14:37