La riforma dell'Università (Legge 240/2010)

Poche parole sulla riforma dell'Università... L'applicazione della Legge 240 del 2010, Riforma Gelmini, ha comportato anche per l'Università di Catania alcuni cambiamenti alle strutture universitarie.

La riforma e le facoltà

La riforma (e di conseguenza lo Statuto dell'Università) non prevede più le facoltà, che pertanto sono state soppresse. Il loro ruolo nella gestione dei corsi di studio e dell'offerta didattica in generale è attribuito oggi a 16 dipartimenti (che prima curavano solo la ricerca scientifica), alle strutture didattiche speciali e alle scuole. All'Università di Catania è stata istituita una sola scuola, quella di Medicina, che ha preso il nome di "Facoltà di Medicina": è una struttura di raccordo fra più dipartimenti di area medica e si occupa del coordinamento delle attività didattiche. Le strutture didattiche speciali sono invece quelle di Architettura (con sede a Siracusa) e di Lingue e Letterature straniere (con sede a Ragusa).

La riforma e i corsi di studio

Ogni corso di studi afferisce a un Dipartimento. Non è stato apportato alcun cambiamento alla struttura dei percorsi formativi (laurea, laurea magistrale, laurea magistrale a ciclo unico, dottorato di ricerca), ai piani didattici, ai titoli erogati e all'offerta formativa di ogni singolo corso di studi.

Ultima modifica: 
15/12/2016 - 08:54