Cittadini non comunitari residenti in Italia

Si appartiene a questa categoria, se si è un cittadino non comunitario, ma si vive in Italia e si è in il possesso di:

  • un permesso di soggiorno o un permesso per lavorare come dipendente o lavoratore autonomo, o di un permesso di soggiorno per motivi familiari, religiosi o asilo politico;
  • un permesso di soggiorno di qualsiasi tipo di cui si è in possesso per almeno un anno;
  • un diploma di scuola superiore conseguito in Italia.

Inoltre, si appartiene a questa categoria se si:

  • è un rifugiato politico;
  • fa parte del personale che lavora presso Rappresentanze Diplomatiche straniere o presso le organizzazioni internazionali che hanno sede in Italia (che sono accreditati dallo Stato italiano dalla Santa Sede) o  si è coniuge o figlio di una delle categorie sopra citate.

La domanda di iscrizione non è soggetta alle limitazioni di quota che vengono previste per gli studenti non comunitari residenti all'estero.

Come iscriversi ad un corso di laurea o laurea magistrale a ciclo unico

Nel rispetto della normativa vigente, per iscriversi al corso di una laurea è necessario disporre di un titolo precedentemente ottenuto in un altro paese, che risulti valido in quel paese per l’ammissione all'università.

Per iscriversi al corso di una laurea è necessario presentare i seguenti documenti:

  • titolo finale in originale degli studi secondari, conseguito con almeno 12 anni di scolarità, oppure certificato sostitutivo a tutti gli effetti di legge, corredato da Dichiarazione di valore;
  • certificato attestante il superamento dell'eventuale prova di idoneità accademica eventualmente prevista per l'accesso all'Università del Paese di provenienza (Selectividad in Spagna, Prova de Aferiçao o Prova Geral de Acesso ao Ensino Superior in Portogallo, ecc..);
  • copia del permesso di soggiorno.

Qualora il titolo degli studi secondari sia stato conseguito al termine di un periodo inferiore a 12 anni di scolarità va allegato:

  • certificato attestante gli studi accademici parziali già compiuti. In caso di richiesta di abbreviazione di corso il predetto certificato dovrà specificare gli esami superati e contenere la documentazione ufficiale circa i programmi degli esami stessi.

I documenti sopra indicati dovranno essere in originale, redatti in lingua italiana o corredati da traduzione ufficiale in lingua Italiana. La traduzione ufficiale potrà essere fatta nel paese di origine o in Italia tramite un tribunale locale, traduttori ufficiali o interpreti giudiziari di legge.

Ultima modifica: 
15/11/2016 - 09:52